Come fai a capire se il tuo Marketing finora ha fatto più danni che danari?  - Remote
Skip to content Skip to footer

Come fai a capire se il tuo Marketing finora ha fatto più danni che danari? 

Ecco la guida base per rendertene conto. 

Chiariamo subito: in questo articolo non troverai “le risposte magiche”, mai le domande giuste che ogni buon imprenditore o manager dovrebbe farsi quando è a capo di un’impresa.

Cercheremo anche di aiutarti a capire come rispondere in maniera oggettiva.

Sono molti gli imprenditori che hanno pensato almeno una volta “quel marketing è andato bene per quella attività, quindi andrà bene anche per la mia”.

Ti diciamo subito che non è così: una buona strategia nasce dall’analisi. E se la tua analisi non è neanche lontanamente paragonabile a quella “bella campagna pubblicitaria” che secondo te ha reso ricco “l’altro”, non devi commettere l’errore di lasciarti convincere. 

A tal proposito, la scelta che molti imprenditori e manager fanno è quella di affidarsi ad un’agenzia di Marketing per aiutarli semplicemente a replicare “quella cosa là che è stata proprio bella”.

Dall’altra parte, è pur vero che molte agenzie, imbrattano con il loro stile qualsiasi impresa, indipendentemente dal settore, dal consumatore, dall’andamento aziendale etc.

Ne abbiamo visti tanti di imprenditori convinti che una soluzione potesse offrirgli lo stesso risultato che hanno ottenuto altri, senza considerare i danni.

È per questo che ti chiediamo di rispondere ad alcune domande per capire se sei fuori dal giro dei “faccio come loro” oppure se hai veramente bisogno di un valido aiuto per ricostruire, ristabilire, instaurare un buon Marketing aziendale.

Quello che ti chiediamo è di essere oggettivo, le risposte a queste domande ti faranno capire che direzione prendere. Alcune di loro potrebbero smontare le tue idee e altre potrebbero fartene venire di nuove.

Dedica il giusto tempo a questa riflessione.

Inizia così:

Qual è il fatturato annuo della tua azienda? Quanto investi in Marketing?

In America una piccola impresa spende almeno il 10% del suo fatturato in pubblicità. In Italia la media è solo del 2%. Capirai bene che un minore investimento genera uno scarso ritorno. Chiediti se questo fattore è incisivo nell’andamento del tuo business.

Il messaggio che stai comunicando sui tuoi prodotti/servizi, aiuta i clienti a capire i vantaggi che ne trarrebbero, acquistandoli?

La comunicazione è tutto. Puoi convincere il tuo cliente che un aspirapolvere con le lucine bianche lo aiuti a vedere meglio la polvere invisibile e che la frenata assistita gli cambierà la vita. Non importa se hanno sempre lucidato casa con olio di gomito e guidato l’auto senza mai fare un incidente. Loro penseranno che tu gli stia offrendo un vantaggio, e farglielo capire è TUTTO.

Nella tua attività, c’è qualcosa di davvero coinvolgente per i clienti? 

Parliamoci chiaro, a meno che tu non sia una fabbrica di rari pezzi di una navicella spaziale in progettazione, avrai sicuramente parecchia concorrenza. Quello a cui devi pensare è cos’hai di attraente che i tuoi simili non hanno. Prova a fare una lista ed elimina tutte le risposte banali che potrebbero essere uguali a quelle dei tuoi competitor. 

Tu e i tuoi dipendenti, seguite una linea coerente di comunicazione? 

Questo è importante. Non puoi dire che nel tuo salone di parrucchiere ad esempio non si tingono i capelli rossi e un mese dopo invece metti la promo “Red Hair 29,90”. Cerca di individuare e segnalare errori del genere che tu o i tuoi dipendenti avete commesso almeno una volta.

Il tuo sito web ti fornisce i contatti e le vendite che desideri? Ti genera clienti? 

Se sei anche minimamente soddisfatto delle vendite generate dal tuo sito online, pensa agli ordini di Amazon e ripeti a te stesso che puoi sempre fare di meglio. Questo è importante per guardare al futuro con una visione tenace. 

I tuoi social media sono veramente efficaci per farti vendere?

Oppure nella pagina hai messo le foto della nipotina, i confetti del matrimonio e la spiaggia delle Mauritius dove vorresti tanto andare? A questa domanda non c’è risposta perché è pur vero che i social hanno bisogno di creatività nei contenuti, ma non devi mai dimenticare il carattere della tua comunicazione aziendale. 

Queste che vedi sono solo alcune domande che andrebbero fatte in occasione di una Partnership tra marketers e imprenditori e manager. 

È importate che tu sappia a 360° cosa stai facendo e cosa viene fatto per te. 

la collaborazione dà vita a nuove opportunità di crescita. E nn devi dimenticare che stai facendo tutto questo per crescere e offrire alla tua azienda, ai tuoi dipendenti, alla tua famiglia un futuro solido. Il marketing non è mai “solo pubblicità”, ecco perché fare delle scelte sbagliate può comportare una ingente perdita di denaro e può provocare, in taluni casi, fallimento o danno d’immagine. 

Se nelle prime domande-guida hai riscontrato delle difficoltà o non hai saputo rispondere chiaramente, noi possiamo aiutarti a fare una chiara analisi e trovare insieme delle risposte adeguate. 

Prenditi un caffè con noi, compila il form di Contatto.